PRESBIACUSIA: come affrontarla?

La presbiacusia è la diminuzione della percezione uditiva ad entrambe le orecchie, causata dall'avanzamento dell’età, essa è progressiva e può portare anche alla sordità totale.

Esiste una cura per la presbiacusia?

Poiché il processo di invecchiamento è inarrestabile, la presbiacusia non può essere curata, tuttavia ci sono dei metodi che consentono di prevenire questa patologia ed altri volti a migliorare la qualità della vita delle persone colpite.

Qual è l’eta più colpita?

Di solito la presbiacusia comincia a manifestarsi intorno ai 50 anni. Purtroppo, con il passare del tempo, il numero di cellule ciliate diminuisce e di conseguenza anche le frequenze captate diventano sempre meno. Quindi, più si è anziani e maggiore è la probabilità che si verifichi un calo uditivo. Alcuni studi affermano che circa una persona su tre, tra i 60 e i 70 anni, soffre di perdita dell’udito legata all’età. Il numero sale dai 70 anni in su.

Come avviene la diminuzione delle cellule ciliate?

Inizialmente, quelle destinate a scomparire sono le cellule esterne , quelle responsabili dell’elaborazione degli impulsi sonori in segnali elettrici che vengono poi trasmessi all’orecchio interno. Scomparendo queste cellule, i segnali non vengono più trasmessi e quindi le persone interessate non possono più percepire determinate frequenze.

Come prevenire la presbiacusia?

La presbiacusia non è curabile, ma con i giusti accorgimenti si può prevenire o rallentare, seguendo alcuni consigli:

  1. mangia sano: adottare uno stile alimentare sano e costituito soprattutto da cibi che contengono la vitamina B9 può contribuire a preservare la tua capacità uditiva. Mangia verdura a foglia verde, cereali integrali, agrumi e latte!
  2. proteggi l’udito da rumori intensi: se lavori in un posto particolarmente rumoroso, cerca di proteggere il tuo udito indossando apposite cuffie antirumore oppure degli otoprotettori (disponibili nel centro acustico Sonora)
  3. non utilizzare farmaci che contengono salicitati, antimalarici e solventi chimici: sono ototossici!
  4. non fumare: le tossine emanate dalla sigaretta danneggiano le cellule dell’orecchio interno e diminuiscono il flusso di sangue alla coclea
  5. fai attività fisica: mettersi in movimento con una certa continuità aiuta a migliorare il flusso di sangue verso la coclea.

 Cosa fare per risolvere un calo uditivo?

Nel caso dovessi avvertire un calo uditivo, la prima cosa da fare è quella di effettuare un controllo uditivo. In base alle tue esigenze, un professionista saprà indicarti la migliore soluzione uditiva. Soprattutto dopo i 50 anni è fondamentale effettuare un controllo uditivo a scopo preventivo almeno una volta all’anno, se arrivano i primi segnali di presbiacusia sarebbe meglio controllarsi anche ogni 6 mesi.

 

FONTE: Specialisti dell'udito

Nessun commento ancora

Lascia un commento